Archivi della categoria: Messaggi, Omelie e Circolari

Circolare del Vescovo Donato, 28 novembre 2019

Al  Rev.mo  CLERO

alle Religiose e ai Fedeli Laici

__________________________________

Carissimi,

la lettura attenta dei seguenti inni liturgici dell’Ufficiatura bizantina delle Grandi Ore, del Vespro e del Mattutino ci dispongono a vivere meglio la grande gioia del mistero del Natale. “Preparati, o Betlemme, la mangiatoia sia pronta, la grotta sia accogliente; è venuta la verità, l’ombra è passata, e Dio dalla Vergine si manifesta agli uomini, rivestendo la nostra somiglianza e divinizzando ciò che aveva rivestito. Perciò Adamo è rinnovato con Eva, esclamando: È apparsa la benevolenza sulla terra per salvare il nostro genere umano”.

L’invito rivolto a Betlemme è rivolto anche a noi, affinché ci prepariamo ad accogliere con fede gioiosa il Verbo di Dio Incarnato e nato Bambino dalla Vergine Madre di Dio: “Poiché un Bambino è nato per noi, ci è stato dato un figlio”. Ecco il motivo della grande gioia dei credenti.

Prepararsi al Natale vuol dire, quindi, meditare sul Mistero. Il Mistero rivelato è una Verità soprannaturale e, quindi, non si può capire totalmente, ma non è contrario alla ragione, e Dio si è servito dello stesso suo Figlio per rivelarci i misteri che lo riguardano: “Nessuno mai ha visto Dio, il Figlio di Dio, che sta nel seno del Padre, ce lo ha rivelato”. L’umanità di Cristo rende Dio: visibile “Dio è apparso a noi! Benedetto colui che viene nel nome del Signore”, “il Verbo di Dio si fece carne ed abitò fra noi”.

Il Natale è gioia perché Dio, attraverso suo Figlio, apre un dialogo con l’umanità, istituendo con essa, la Nuova Alleanza: “non siamo più soli, siamo diventati Figlio di Dio e quindi suoi eredi!”.

Quando stacchiamo il nostro sguardo da un mondo così travagliato ed angosciato e lo fissiamo nel mistero di Betlemme, la cui celebrazione è imminente, la pace celeste che si irradia riempie di gaudio e di serenità profonda il nostro cuore. Dio è tra noi, con noi e in noi, perciò “non solo siamo chiamati, ma siamo suoi figli” (1 Giov. 3,1).

Questo aspetto fondamentale del Natale deve essere costantemente sottolineato e meditato nelle nostre comunità cristiane.

Natale di Cristo, Natale di tutti gli uomini. Cristo s’iscrive nell’anagrafe degli uomini, perché gli uomini abbiano ad iscriversi in quella di Dio.

PER I TERREMOTATI DELL’ALBANIA

Per i molteplici vincoli che ci uniscono all’Albania, mi sembra opportuna la nostra partecipazione “simbolica” alla raccolta di fondi a favore di quei nostri cari fratelli tanto tragicamente provati.

Nell’esprimere vicinanza e solidarietà ci uniamo in preghiera.

Caritas Italiana, organismo pastorale della Conferenza Episcopale Italiana, si è subito mobilitata per dare un sostegno pratico alla Caritas Albanese, pronta a sostenere gli sforzi per far fronte a questa nuova emergenza e venire incontro ai bisogni della popolazione.

Vi prego, perciò, caldamente di sollecitare la generosità dei fedeli, affinché, nei limiti delle possibilità, diano il loro contributo, che invierete in Curia per l’inoltro alla Caritas Nazionale tramite la Caritas Diocesana. Chi ha bisogno non può molto attendere.

CONCLUSIONE ANNO CENTENARIO

La celebrazione dell’Anno del primo centenario (1919-2019) della nostra Eparchia di Lungro è stato un evento di grazia, che ha oltrepassato la nostra progettualità, mostrandoci l’imprevedibilità sorprendente dello Spirito e la risposta corale del popolo di Dio.

Abbiamo sentito crescere la coscienza di essere Chiesa del Signore, che ci ha visti riuniti per una Chiesa immersa nella storia, radicata nel tempo e sul territorio con il profondo desiderio di essere capaci di dare risposte credibili al popolo del nostro tempo. Vogliamo accogliere sulla nostra Chiesa una nuova venuta dello Spirito, che genera forte tensione, rinnova abitudini e suscita attese feconde.

All’interno della Chiesa italiana, la nostra Eparchia, la Chiesa Italo-Albanese apporta la ricchezza del suo vissuto plurisecolare nello specifico della sua tradizione spirituale, liturgica, canonica, teologica, iconografica, per una più efficace predicazione dell’Evangelo nel nostro tempo e per un significativo contributo all’interesse ecumenico in Italia.

È un tempo di grazia particolare. Un tempo per ascoltare più attentamente la Parola del Signore, che ci interpella; un tempo per pregare più intensamente insieme; un tempo per convertirci insieme, così da rendere più manifesta testimonianza del Signore risorto a tanti nostri fratelli e sorelle.

A ragione di ciò, anche la nostra Chiesa che è in Lungro, chiamata da Dio a collaborare con Lui affinché continui a realizzarsi il suo sogno su di essa, dopo aver celebrato il primo centenario di vita, sentendo l’esigenza di impostare per i prossimi anni una rinnovata programmazione pastorale intende istituire, sulla scia anche della visita del Patriarca Ecumenico Bartolomeo che ha segnato un momento storico per la nostra Eparchia, una Scuola di Formazione Ecumenica per il Dialogo e la Riconciliazione tra i cristiani.

Questo cammino ecumenico tra Roma e Costantinopoli, di cui Lungro è soggetto di un’azione ecumenica concreta ed efficace, apre nuove strade e opportunità di conoscenza reciproca, di abbattimento di muri e di reciproca fiducia eliminando qualsiasi dubbio e sospetto.

Bisogna essere artigiani di dialogo, ci ricorda Papa Francesco, promotori di riconciliazione, pazienti costruttori di una civiltà dell’incontro, in questo tempo in cui disuguaglianze e divisioni minacciano la pace.

L’Eparchia di Lungro e coronamento del suo Primo Centenario dalla istituzione, sentendo come propria vocazione specifica la dimensione ecumenica, intende promuovere la conoscenza delle varie confessioni cristiane, in particolare delle Chiese Orientali, per favorire il dialogo e la riconciliazione tra i cristiani.

RITIRO DEL CLERO

Giovedì 12 Dicembre, con inizio alle ore 9,30 si terrà il Ritiro del Clero nella Parrocchia “San Giovanni Battista” ad Acquaformosa, con la meditazione tenuta da Padre Pino Stancari.

Il fraterno saluto a tutti con le parole della liturgia: “la grazia del Signore nostro Gesù Cristo, l’amore di Dio Padre e la comunione dello Spirito Santo, sia con tutti Voi”.

Lungro, 28 novembre 2019

+ Donato Oliverio, Vescovo

Circolare del Vescovo Donato, 26 settembre 2019

Al  Rev.mo CLERO

alle Religiose e ai Fedeli Laici

_________________________________

Carissimi,

l’Eparchia di Lungro nei giorni scorsi 18 – 19 settembre ha vissuto un tempo di grazia. Sua Santità Bartolomeo, Patriarca di Costantinopoli, ha onorato la nostra Chiesa, compiendo una visita che rimarrà nella storia della nostra Eparchia e delle Chiese di Calabria; uno storico incontro, sulla strada dell’unità, fra la Chiesa Cattolica e la Chiesa Ortodossa. La nostra Eparchia oggi, con questo avvenimento, ha voluto rendere questo servizio di incontro fraterno tra le due Chiese, alla Chiesa Una, affinché sempre più possa realizzarsi la preghiera di Gesù “Che siano uno”, e affinché termini ciò che è di scandalo per tutti i cristiani: la divisione che impedisce alla Chiesa di respirare con i suoi due polmoni.

Quando si vivono momenti di grazia bisogna ringraziare il Signore per ciò che ci ha donato: un incontro di preghiera, di fraternità, di ecumenismo dalle mani intrecciate, per annunciare sempre più la Parola di Dio e testimoniare un patrimonio che nei secoli si è formato e conservato. Il Patriarca ha fortemente invitato noi Italo-Albanesi a mantenere il patrimonio che fino ad oggi abbiamo gelosamente custodito come un dono e ha invitato le Chiese della Calabria a collaborare tra di loro, per poter far sì che il contatto tra le Diocesi di rito latino e l’Eparchia di Lungro possa giovare e arricchire gli uni e gli altri.

Papa Francesco ormai da tempo ci parla di un ecumenismo in cammino e che l’unità si fa camminando. Sua Santità Bartolomeo si è posto da sempre su questo cammino e in questi giorni si è fatto pellegrino, si è messo in cammino per incontrare i fratelli cattolici nella gioia di riscoprirsi fratelli.

A noi come Chiesa di Lungro, avendo una vocazione ecumenica insita, è richiesto di fare da ponte tra Oriente e Occidente e strenuamente operare affinché sia sempre più vicino il benedetto giorno della piena unione tra Chiesa Cattolica e Chiesa Ortodossa. Questo cammino ecumenico tra Roma e Costantinopoli, di cui Lungro è soggetto di una azione ecumenica concreta ed efficace, apre nuove strade e opportunità di conoscenza reciproca, di abbattimento di muri e di reciproca fiducia eliminando qualsiasi dubbio e sospetto.

L’Eparchia che è una realtà che da cinque secoli professa il rito bizantino in Italia, non come qualcosa di esteriore ma come prova di una sete interiore e profonda, lega la Chiesa di Costantinopoli alle comunità della Eparchia di Lungro. L’amore che lega le due realtà, secondo il Patriarca, è lo stesso che egli condivide con Papa Francesco: entrambi sono uniti da un amore fraterno e una amicizia che desiderano vedere estesa tra il clero e i fedeli delle due Chiese sorelle, e che possa portare un giorno, quando Dio vorrà, alla piena unità delle Chiese nella legittima diversità; un amore che possa sanare le ferite e le divisioni e che possa cancellare lo scandalo di noi Cristiani, che rischiamo di testimoniare a volte un Cristo diviso.

93ª GIORNATA MONDIALE MISSIONARIA

“Battezzati e Inviati: la Chiesa di Cristo in Missione nel Mondo”

20 ottobre 2019

Una Chiesa in uscita fino agli estremi confini richiede conversione missionaria costante e permanente”, sull’esempio di tanti Santi che “ci mostrano possibile e praticabile questa apertura illimitata”. È il cuore del messaggio di Papa Francesco per la Giornata Missionaria Mondiale di questo 2019, che si celebra il 20 ottobre, per commemorare il centenario della promulgazione della Lettera Apostolica Maximum illud di Papa Benedetto XV, il 30 novembre 1919.

In questo tempo straordinario di missionarietà, scrive il Papa, sarà importante “rinnovare l’impegno missionario della Chiesa, riqualificare in senso evangelico la sua missione di annunciare e di portare al mondo la salvezza di Gesù Cristo, morto e risorto”. “La nostra appartenenza filiale a Dio non è mai un atto individuale ma sempre ecclesiale: dalla comunione con Dio, Padre e Figlio e Spirito Santo, nasce una vita nuova insieme a tanti altri fratelli e sorelle”.

E questa vita divina non è un prodotto da vendere – noi non facciamo proselitismo – ma una ricchezza da donare, da comunicare, da annunciare: ecco il senso della missione”.

È un mandato che ci tocca da vicino: io sono sempre una missione; tu sei sempre una missione; ogni battezzata e battezzato è una missione. Nessuno è inutile e insignificante per l’amore di Dio. Ciascuno di noi è una missione nel mondo perché frutto dell’amore di Dio.

Le offerte raccolte, come di consueto da far pervenire in Curia, andranno a favore delle giovani Chiese attraverso progetti di aiuto ai catechisti e la formazione cristiana di bambini e ragazzi, di formazione del Clero e di assistenza socio – sanitaria.

PELLEGRINAGGIO DIOCESANO A BARI

9 novembre 2019

Il prossimo 9 novembre accompagnati dai pellegrini dell’Eparchia renderemo onore a San Nicola presso la Pontificia Basilica di Bari, in occasione del I centenario della nostra Eparchia. Abbiamo posto il I centenario sotto la protezione del Santo Patrono. Sono stati giorni all’insegna della presenza amorevole del Patrono San Nicola di Myra, quelli che ha vissuto la nostra Eparchia. San Nicola, segno di unità tra la Chiesa d’Oriente e la Chiesa d’Occidente. La particolare posizione geografica della città di Bari ha fatto sì che nella storia diventasse crocevia di genti e quindi punto d’incontro di culture.

Celebreremo la Divina Liturgia nella cripta dove è custodito il corpo di San Nicola, da me presieduta alle ore 10,00.

Invito le Parrocchie ad organizzarsi.

RITIRO DEL CLERO

Giovedì 10 ottobre, con inizio alle ore 9,30 avrà inizio il Ritiro del Clero nella Parrocchia “San Giovanni Battista” ad Acquaformosa, con la meditazione tenuta da Padre Pino Di Luccio, sj, Vice Preside della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, sezione san Luigi, di Napoli.

Invoco su di Voi e sulle Vostre comunità la benedizione del Signore.

Lungro, 26 settembre 2019

 

+ Donato Oliverio, Vescovo

Circolare del Vescovo Donato, 6 luglio 2019

Al  Rev.mo  CLERO

alle Religiose e ai Fedeli Laici

______________________________

Carissimi,

ogni volta che arriva la stagione estiva, e con essa il tempo delle vacanze, il mio pensiero va ai brevi o ai lunghi periodi di meritato riposo, fisico o interiore, che ciascuno di voi prova a ritagliarsi.

Per gli abitanti dei nostri paesi, per i turisti che vengono nella nostra Eparchia a godersi qualche giorno di serenità, per i pellegrini che visitano le nostre stupende Chiese, per i nostri emigrati che ritornano per ritrovare gli affetti familiari, l’estate è il tempo propizio per fermarsi e rinsaldare i vincoli della fede, dell’amicizia e della fraternità.

La gioia dell’estate è anche arricchita provvidenzialmente dalle diverse feste patronali che, nel nome della Madre di Dio e dei Santi, portano esultanza e allegria, ma anche desiderio di preghiera e di pace interiore.

Con questi sentimenti auguro a tutti Voi di godere qualche giorno di meritato riposo e anche di arricchimento dello spirito.

ESTATE  RAGAZZI

Così come negli anni precedenti, anche quest’anno alcuni di voi hanno avviato la proposta di “Estate Ragazzi”, nel primo tempo delle vacanze. Due, tre, quattro settimane nelle quali i ragazzi hanno letteralmente invaso i cortili delle Parrocchie con la loro allegria, la loro vivacità, la loro voglia di giocare e divertirsi.

Ad accoglierli, oltre ai parroci, si sono avvicendati alcuni giovani animatori, animatrici che hanno scelto di trascorrere qualche settimana insieme ai ragazzi, condividendone i ritmi e i momenti di fraternità e di preghiera. Certamente questa esperienza lascia un ricordo positivo in tutti voi che l’avete vissuta: sacerdoti, giovani animatori, animatrici, ragazzi, ragazze.

Nel rallegrarmi vi incoraggio e vi benedico.

XXXII ASSEMBLEA ANNUALE DIOCESANA

Corso di aggiornamento teologico

30-31 agosto 2019

Dal 30 al 31 agosto  p.v. nella Parrocchia “Santa Maria Assunta” di FRASCINETO, presso l’Hotel “La Falconara”, si terrà l’Assemblea Diocesana Annuale a cui siete tutti invitati a partecipare.

Nel quadro dell’Anno Pastorale, del I Centenario, abbiamo indicato, attraverso il discorso di Papa Francesco alla nostra Eparchia, come riflessione comune

Camminate insieme

verso il futuro che Dio vorrà donarvi

Relazioneranno: il Dott. Giampaolo Rigotti, Archivista della Congregazione per le Chiese Orientali; Don Armando Matteo, docente di Teologia Fondamentale della Pontificia Università Urbaniana di Roma; e S.E. Mons. Francesco Savino, Vescovo di Cassano allo Jonio.

Vi invito a partecipare numerosi a questo bel momento ecclesiale.

14ª GIORNATA PER LA CUSTODIA DEL CREATO

11 settembre – ACQUAFORMOSA

Il tema della 14ª Giornata, “Quante sono le tue opere, Signore” (Sal. 104,24) Coltivare la biodiversità, come recita quest’anno il Messaggio della Chiesa italiana, è un’occasione per conoscere e comprendere quella realtà fragile e preziosa della biodiversità, di cui anche la nostra terra è così ricca. Imparare a guardare la biodiversità, per prendercene cura: è uno dei richiami dell’Enciclica Laudato Si’ di Papa Francesco.

Vi invito l’11 settembre p.v. nella Parrocchia di Acquaformosa, Chiesa “San Giovanni Battista”, alle ore 10,00 per la celebrazione della Divina Liturgia, sarà presente il Cardinale Giovani Battista Re, Prefetto emerito della Congregazione dei Vescovi.

GIORNATA DIOCESANA DEL MALATO

22 settembre – Santuario dei Ss. Medici Cosma e Damiano – San Cosmo Albanese

Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date (Mt.10,8) è il tema scelto quest’anno per la XXVII  Giornata Mondiale del Malato.

Noi come Eparchia  celebriamo la Giornata, Domenica  22 settembre p.v. in preparazione della festa dei Ss. Medici Cosma e Damiano.

Preghiera, attenzione, consolazione, presenza discreta e attenta devono aiutarci a diventare sempre più in famiglia e nelle strutture pubbliche e private, samaritani della gratuità e del gratuito, sempre portatori di speranza.

Nell’attesa di incontrarvi, nel Santuario dei Santi Medici Cosma e Damiano a San Cosmo Albanese, il 22 settembre p.v. alle ore 17,00 per la celebrazione dell’Ufficiatura e amministrazione del Sacramento dell’Unzione degli Infermi, tutti incoraggio e benedico.

AVVENIMENTO STORICO A LUNGRO

il  18 – 19 settembre 2019

IL PATRIARCA ECUMENICO DI COSTANTINOPOLI BARTOLOMEO I

VISITERÀ  LA NOSTRA EPARCHIA

Vi annuncio con gioia che Sua Santità il Patriarca Ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I, visiterà la nostra Eparchia il 18-19 settembre p.v.

Rendiamo lodi, benedizioni e ringraziamenti alla Panaghìa Triàs che per la prima volta un Patriarca Ecumenico visita la nostra Eparchia. Diversi avvenimenti hanno miracolosamente dischiuso questo nuovo e singolare cammino ecumenico tra Lungro e Costantinopoli. Si aprono nuove piste dirette di conoscenza e di rapporti personali, che prospettano anche nuove forme di fruttuose e fraterne collaborazioni in vari campi.

L’azione ecumenica è opera di Dio. Richiede fede in Dio, pazienza, umiltà, fiducia tra le persone e, nello stesso tempo, amicizia, proposte semplici con soluzioni immediate e concrete.

L’Eparchia di Lungro, come la sua genesi storica, è un fulgido anello di congiunzione ed un modello unico ed incontestabile di fedeltà alla spiritualità orientale ed alle direttive della Santa Sede.

Ringrazio l’amico Virgilio Avato che si è prodigato per questa visita, un vero amico che contribuisce molto al lavoro ecumenico.

 Invoco su di Voi e sulle Vostre Comunità la Benedizione del Signore.

 

Lungro, 06 luglio 2019

+ Donato Oliverio, Vescovo

Circolare del Vescovo Donato, 1° maggio 2019

Al  Rev.mo  CLERO

alle Religiose e ai Fedeli Laici

__________________________________

Carissimi,

il tempo liturgico del Pentekostàrion comprende quel periodo dell’anno liturgico che va dalla Domenica di Pasqua fino all’ottava di Pentecoste. I primi 40 giorni sono dominati dal tema pasquale, che pone al centro l’avvenimento della Resurrezione. È tutto un canto di gioia e di lode al Signore che ci guarisce da ogni male e ci salva, donandoci la vita eterna. Per 40 giorni ogni ufficiatura si apre e si chiude con l’inno tipico della Pasqua, che si ripete anche più volte all’interno delle varie celebrazioni: “Cristo è risorto dai morti, con la sua morte calpestando la morte e dando vita a coloro che giacevano nei sepolcri”.

Il Pentekostàrion rappresenta un periodo unificante, durante il quale la Chiesa celebra incessantemente i misteri gloriosi della Resurrezione del Signore, della sua Ascensione alla destra del Padre, della sua promessa di inviarci lo Spirito Santo. Ricorda la potenza di Cristo, la sua origine divina, la sua vita in seno alla Trinità, la sua relazione col Padre e le opere compiute sulla terra. Ricorda anche che è il nostro Salvatore, ricco di misericordia, colui che risana le anime e i corpi, che ci dona l’acqua zampillante della vita eterna, che ci guarisce dalla cecità dello spirito e ci spalanca gli occhi sulla verità, che ci invita a mettere in pratica i suoi insegnamenti, per poter partecipare concretamente ed attivamente, sin da oggi, alla sua vita divina.

UDIENZA SPECIALE DEL SANTO PADRE

ALLA NOSTRA EPARCHIA DI LUNGRO

25 maggio 2019

Siamo pronti per l’imminente udienza del Santo Padre alla nostra Eparchia di Lungro. Una grazia davvero speciale che Papa Francesco ha voluto concedere alla nostra Chiesa in occasione del I centenario.

Una moltitudine di fedeli arbëreshë, ma anche tanti amici, parteciperanno all’udienza, oltre 4000 persone secondo una stima.

Rivolgo sin da ora al Santo Padre il più filiale e sentito ringraziamento a nome dell’Eparchia. Invito a intensificare la preghiera al Signore per Papa Francesco affinché Egli viva in pace, incolume, onorato, sano, longevo.

ORDINAZIONI  DIACONALI

Lo Spirito Santo fa dono alla nostra Chiesa di tre nuovi diaconi, in questo anno particolare dedicato al I centenario della istituzione.

Domenica 30 giugno p.v., commemorazione dei Santi 12 Apostoli, conferirò l’ordinazione diaconale, nella Chiesa Cattedrale di Lungro, al lettore Alex Talarico, nativo di Firmo. Ha intrapreso il cammino vocazionale nel Seminario Maggiore Italo-Albanese di Cosenza. Nel 2017 ha continuato il percorso degli studi nell’Istituto di Studi Ecumenici “San Bernardino” di Venezia – Pontificia Facoltà Antonianum, per il conseguimento della Licenza in Teologia Ecumenica.

Domenica 7 luglio p.v., conferirò l’ordinazione diaconale, nella Chiesa Cattedrale di Lungro, al lettore Antonio Calisi, nativo di Bari, incardinato nell’Eparchia. Ha conseguito il Dottorato in Teologia Ecumenica presso l’Istituto di Teologia Ecumenica “San Nicola” Bari e la Laurea in Scienze Storiche presso l’Università la Sapienza di Roma.

Domenica 21 luglio p.v., conferirò l’ordinazione diaconale, nella Chiesa Cattedrale di Lungro, al lettore Antonio Gattabria, nativo di Spezzano Albanese, incardinato nell’Eparchia. Ha conseguito il Baccalaureato in Teologia presso l’Istituto Teologico Cosentino e la Laurea in Lettere presso l’Università della Calabria.

SCELTA DELL’OTTO PER MILLE

Si avvicina il tempo di presentare la dichiarazione dei redditi in cui è possibile scegliere di destinare l’8 per mille del gettito Irpef alla Chiesa Cattolica.

Ogni firma a favore della Chiesa Cattolica ha il valore di stima e fiducia verso la Chiesa stessa.

Riguardo alla scelta di destinare l’8 per mille alla Chiesa Cattolica, le motivazioni di questo gesto di solidarietà sono molteplici: la prima e più importante può essere dettata dalla nostra fede; la seconda è la fiducia che le nostre offerte vanno a buon fine.

GIORNATA PER LA CARITÀ DEL PAPA

Il 29 giugno p.v., solennità dei Ss. Pietro e Paolo, gloriosi corìfei degli Apostoli, si celebra in tutto il mondo la Giornata per la Carità del Papa. La carità per essere vera deve essere concreta, non può fermarsi al pensiero o al sentimento, ma deve raggiungere pure le tasche, per arrivare veramente a chi ha bisogno.

In tutte le Chiese saranno raccolte offerte che il Papa destinerà liberamente alle sue opere di carità secondo i bisogni delle Chiese e dei poveri.

GIORNATA  SACERDOTALE  REGIONALE

Il prossimo 14 giugno alle ore 9,30 celebreremo a Paola nel Santuario di San Francesco la Giornata Sacerdotale Regionale, in occasione del V° Centenario della canonizzazione di San Francesco di Paola.

RITIRO  DEL  CLERO

Giovedì  9 maggio, con inizio alle ore 9,30  si terrà il Ritiro del Clero nella Parrocchia di Civita, Chiesa “Santa Maria Assunta”, con la meditazione tenuta da Mons. Antonio Donghi.

Invoco su di Voi e sulle Vostre comunità la benedizione del Signore.

Christòs anèsti – Krishti u ngjall – Cristo è risorto

 

Lungro, 01 maggio 2019

+ Donato Oliverio, Vescovo

Circolare del Vescovo Donato, 2 marzo 2019

Al  Rev.mo  CLERO

alle Religiose e ai Fedeli Laici

_____________________________

Carissimi,

ci prepariamo a vivere la Santa e Grande Quaresima, un periodo intenso di quaranta giorni prima della Pasqua. La Quaresima, costituisce un cammino di penitenza, di silenzio interiore, di preghiera soprattutto, per poter giungere, con animo purificato, a contemplare il grande mistero della salvezza, a celebrare, con spirito rinnovato, la gioia della Resurrezione, ed a unirci totalmente a Cristo, crocifiggendoci con Lui e risorgendo con Lui.

Nell’anno liturgico bizantino, essa ha inizio, col vespro solenne la sera della Domenica dei Latticini: “Diamo inizio all’augustissima continenza, sfolgoranti per i raggi dei santi comandamenti del Cristo Dio, per lo splendore della carità, per il bagliore della preghiera, per la purezza della castità, così da giungere risplendenti alla Santa Resurrezione che illumina il mondo di incorruttibilità”.

In questo periodo, i giorni della settimana sono aliturgici, cioè è vietata la celebrazione della Divina Liturgia, se non il sabato e la domenica. In tutti i giorni aliturgici viene recitato il Mattutino (òrthros).

Il sabato viene officiata la Liturgia di San Giovanni Crisostomo, mentre la domenica quella di San Basilio il Grande, ad eccezione della Domenica delle Palme.

Tuttavia, il mercoledì e il venerdì si celebra una liturgia di comunione, detta dei Presantificati (Proghiasmèna). Il venerdì si recita anche l’inno Akàthistos alla Madre di Dio.

MESSAGGIO DI PAPA FRANCESCO PER LA QUARESIMA

“L’ardente aspettativa della creazione è protesa verso la rivelazione dei figli di Dio” (Rm. 8,19)

Nel messaggio per la Quaresima il Papa mette in guardia dai comportamenti distruttivi verso le persone e l’ambiente.

L’uomo non è il padrone del creato. Il peccato “porta l’uomo a ritenersi dio del creato, a sentirsene il padrone assoluto e a usarlo non per il fine voluto dal Creatore, ma per il proprio interesse, a scapito delle creature e degli altri”.

Lo scrive Papa Francesco nel messaggio per la Quaresima 2019, incentrato su un passo della lettera ai Romani. La riflessione del Pontefice parta dalla constatazione che “se l’uomo vive da figlio di Dio, se vive da persona redenta, che si lascia guidare dallo Spirito Santo e sa riconoscere e mettere in pratica le legge di Dio”, egli “fa del bene anche al creato, cooperando alla sua redenzione”.

Se questo è vero, è altrettanto evidente che “l’armonia generata dalla redenzione è ancora e sempre minacciata dalla forza negativa del peccato e della morte”. Quando infatti, scrive il Papa, “non viviamo da figli di Dio, mettiamo spesso in atto comportamenti distruttivi verso il prossimo e le altre creature – ma anche verso noi stessi – ritenendo, più o meno consapevolmente, di poterne fare uso a nostro piacimento”. Questo conduce “a uno stile di vita che vìola i limiti che la nostra condizione umana e la natura ci chiedono di rispettare”. E così si finisce per interrompere “la comunione con Dio, con gli altri e con il creato”.

Per questo, prosegue il Papa, “il creato ha la necessità impellente che si rivelino i figli di Dio, coloro che sono diventati nuova creazione”.

E la Quaresima diventa così “segno sacramentale” di una conversione che “chiama i cristiani a incarnare più intensamente e concretamente il mistero pasquale nella loro vita personale, familiare e sociale, in particolare attraverso il digiuno, la preghiera e l’elemosina”.

VEGLIA DIOCESANA DI PREGHIERA MISSIONARIA

Siamo giunti anche quest’anno all’appuntamento consueto con l’incontro diocesano di preghiera missionaria, che ci riunisce numerosi come comunità ecclesiale intorno all’Altare del Signore nella giornata significativa della terza Domenica di Quaresima Adorazione della Santa e Vivificante Croce.

È questo per tutti noi un anno molto speciale: Anno Centenario dell’Eparchia di Lungro. Siamo, quindi, grati a S.E. Mons. Giancarlo Maria Bregantini, Arcivescovo di Campobasso-Boiano,  per aver accettato di buon grado di venire tra noi ad animare questa speciale, solenne celebrazione di preghiera missionaria con la meditazione sul tema: “100 anni di Magistero Missionario, da Papa Benedetto XV a Papa Francesco”.

Ci incontreremo, dunque, sempre più numerosi e puntuali, Domenica 24 marzo alle ore 16,30, in Episcopio dove sfilerà la processione verso la Cattedrale San Nicola di Mira, per la celebrazione solenne del Vespro  della III Domenica di Quaresima.

I reverendissimi presbiteri vorranno pure mettersi a disposizione dei fedeli per le confessioni. Ringrazio i Responsabili dell’Ufficio Missionario Diocesano.

RITIRO DEL CLERO

Giovedì 21 marzo, con inizio alle ore 9,30 avrà inizio il Ritiro del Clero nella Parrocchia “San Giovanni Battista” ad Acquaformosa, con la meditazione tenuta da Padre Innocenzo Gargano, camaldolese, Professore straordinario di patrologia al Pontificio Istituto Orientale e di storia dell’esegesi dei Padri presso il Pontificio Istituto Biblico.

Invoco su di Voi e sulle Vostre comunità la benedizione del Signore.

 

Lungro, 2 marzo 2019

+ Donato Oliverio, Vescovo

Circolare del Vescovo Donato, 4 febbraio 2019

Al  Rev.mo  CLERO

alle Religiose e ai Fedeli Laici

_________________________________

Carissimi,

“Grandi cose ha fatto il Signore per noi, ci ha colmati di gioia” (Salmo 126,3).

Con immensa riconoscenza al Signore sento l’obbligo di manifestare agli Arcivescovi ed ai Vescovi delle Chiese di Calabria il ringraziamento per la Lettera indirizzata alla nostra Eparchia in occasione del I centenario. Le paterne parole di sostegno e di incoraggiamento rivolte sia a me che all’intera Eparchia, le abbiamo intese come un ulteriore conferma della vicinanza di Dio e nello stesso tempo l’indicazione della strada per il nostro futuro, vivere ed operare per la Chiesa e a nome della Chiesa per “mantenere integre le tradizioni della Chiesa bizantina e di ritornare alle avite tradizioni qualora indebitamente si fosse venuti meno ad esse” (Orientalium Ecclesiarum, Decreto conciliare sulle Chiese Orientali Cattoliche, n. 2).

Oggi con le altre undici Diocesi in Calabria viviamo in piena comunione affettiva ed effettiva; la nostra presenza in regione è motivo di arricchimento a vicenda.

In Calabria la Chiesa è bella, perché respira a due polmoni. In questi cento anni l’Eparchia di Lungro ha contribuito a salvaguardare il principio della legittima diversità nell’unità della fede, e ha mantenuto vivo l’esigenza del rispetto della legittima diversità.

La nostra Eparchia rende visibile in Italia il tesoro dell’Oriente cristiano, in Calabria in modo particolare. Saldamente piantata in occidente con il suo patrimonio liturgico, cerimoniale, iconografico, teologico, melurgico, culturale.

La Chiesa italo-albanese è coinvolta nella grande questione della ricomposizione dell’unità dei cristiani. San Paolo VI, definì i fedeli italo-albanesi: “quasi precursori del moderno ecumenismo”.

Siamo chiamati dunque come Eparchia a pensare in termini ecumenici, a vivere per l’ecumenismo, a far fruttificare il nostro essere cattolici di rito bizantino in chiave ecumenica, secondo la stessa richiesta di San Giovanni Paolo II, che nell’udienza speciale ai noi membri del II Sinodo intereparchiale di Grottaferrata, così si esprimeva: “Vi incoraggio poi e proseguire i contatti, grazie alla comune tradizione liturgica, con le Chiese ortodosse, desiderose anch’esse di rendere gloria a Dio”.

Convegni e visite con figure eminenti del mondo ortodosso hanno delineato nuovi orizzonti per la nostra Eparchia di Lungro nel cammino ecumenico: di particolare rilievo è stato l’incontro con Sua Santità il Patriarca Ecumenico di Costantinopoli, Bartolomeo I; nel 2014 l’incontro con Sua Beatitudine Anastàs Janullatos, primate della Chiesa autocefala ortodossa albanese; e nel 2017 l’incontro con Sua Beatitudine Ieronimos Ljapis, primate della Chiesa autocefala di tutta la Grecia, si è così rafforzato un cammino ecumenico in grado di scoprire nella condivisione delle radici della fede in Cristo, Luce delle genti, una forza nuova per vivere l’unità nella diversità.

In occasione del I centenario eleviamo preghiere a Dio affinchè renda possibile ulteriori incontri fraterni. Siamo chiamati, infatti, a operare con fede e amore reciproco perchè l’Unità tra le Chiese d’Oriente e d’Occidente possa finalmente divenire realtà.

RITIRO  DEL  CLERO

Giovedì 21 febbraio, con inizio alle ore 9,30  si terrà il Ritiro del Clero nella Parrocchia “San Giovanni Battista” ad Acquaformosa, con la meditazione tenuta da Mons. Antonio Donghi.

Invoco su di Voi e sulle Vostre Comunità la benedizione del Signore.

Lungro, 4 febbraio 2019

+ Donato Oliverio, Vescovo

Circolare del Vescovo Donato, 8 gennaio 2019

Al  Rev.mo  CLERO

alle Religiose e ai Fedeli Laici

______________________________

Carissimi,

la parola con cui si apre il 2019 è quella lanciata da Papa Francesco nel suo discorso Urbi et Orbi il giorno di Natale: fraternità. Una parola che indica la verità che “sta alla base della visione cristiana dell’umanità”, visione imperniata sull’armonia tra unità e diversità, cuore appunto della fraternità. Se esiste questa armonia “allora le nostre differenze non sono un danno o un pericolo, sono una ricchezza”. Non è un ideale astratto la fraternità, è un’esperienza concreta che tutti conosciamo grazie a quella realtà che è la famiglia: “L’esperienza della famiglia ce lo insegna: tra fratelli e sorelle siamo diversi l’uno l’altro, e non sempre andiamo d’accordo, ma c’è un legame indissolubile che ci lega e l’amore dei genitori ci aiuta a volerci bene”. Il Papa parla con il realismo che lo contraddistingue, il realismo della Bibbia che sin dall’inizio presenta storie di fratelli non certo esemplari, da Caino e Abele a Esaù e Giacobbe fino a Giuseppe venduto dai suoi fratelli. Ma poi c’è Gesù, l’Unigenito che diventa Primogenito e si fa fratello di tutti gli uomini (“andate a dire ai miei fratelli” così si esprime, una volta risorto) invitandoci ad amarci come fratelli, figli tutti dell’unico Padre. È chiaro allora e quanto mai urgente il monito del Santo Padre che ci ricorda: “Senza la fraternità che Gesù Cristo ci ha donato, i nostri sforzi per un mondo più giusto hanno il fiato corto, e anche i migliori progetti rischiano di diventare strutture senz’anima”.

MESSAGGIO  DI  PAPA  FRANCESCO

PER LA GIORNATA MONDIALE DELLA PACE 2019

È centrato sul tema “La buona politica è al servizio della pace” il Messaggio del Papa per la 52ª Giornata mondiale della pace che si è celebrata, come ogni anno, il 1° gennaio 2019. Papa Francesco rivolge l’attenzione al futuro della vita e del pianeta. E la fiducia si fonda sul rispetto della parola data. La politica, quella “buona” ha lo sguardo lungo. Mentre cerca di interpretare la realtà quotidiana, si preoccupa del domani, guarda al futuro della vita, pensa ai giovani e ai più piccoli, si interroga su come dare risposte. Promettere solo quel che si può mantenere. La buona politica è al servizio della pace. Un richiamo quello del Papa ai politici che sottolinea come la responsabilità politica appartenga a ogni cittadino, ma in particolare per chi ha ricevuto il mandato di proteggere e governare. La politica è una vocazione altissima, è una delle forme più preziose della carità, perché cerca il bene comune.

SETTIMANA DI PREGHIERA PER L’UNITÀ DEI CRISTIANI     18-25 gennaio 2019

“Cercate di essere veramente giusti”

(Deuteronomio 16,18-20)

È nuovamente giunta la Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani, una Settimana speciale, una Settimana piena di gioia e commozione, di responsabilità e di dovere, poiché ha come scopo la realizzazione della volontà del nostro Salvatore Gesù Cristo: “Che tutti siano una cosa sola” (Giov. 17,21).

Ogni anno i cristiani in tutto il mondo si riuniscono in preghiera per crescere nell’unità. Come cristiani siamo chiamati a rendere una testimonianza comune in favore della giustizia, e ad essere uno strumento della grazia guaritrice di Dio in un mondo lacerato.

La Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani 2019 è stata preparata dai cristiani dell’Indonesia. La riflessione per gli otto giorni e la celebrazione ecumenica sono incentrate sul tema principe del versetto.

“Come coinvolgimento dell’intera Eparchia si celebri regolarmente in ogni comunità parrocchiale la Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani”. (Sinodo diocesano n. 305).

I  CENTENARIO  DELL’EPARCHIA  DI  LUNGRO

13 febbraio 2019

Il prossimo 13 febbraio, alle ore  16,30,  daremo inizio alle celebrazioni del I centenario della nostra Eparchia. Ci ritroveremo come Chiesa Eparchiale nella nostra Cattedrale per pregare e rendere grazie a Dio, Padre, Figlio e Spirito Santo, per il dono che ci ha voluto elargire attraverso il Papa Benedetto XV il quale, il 13 febbraio 1919, istituiva l’Eparchia di Lungro degli Italo-Albanesi dell’Italia continentale.

Desidero che nessun Sacerdote, Diacono, Religiosa, insieme ai  Bambini, Giovani,  Adulti, e Anziani delle nostre comunità manchi a questo appuntamento. Chi vuole bene alla Chiesa, deve capire l’importanza di questo anniversario che non significa andare alla ricerca di un pretesto per una celebrazione a carattere spettacolare, ma vuole essere piuttosto un invito ad approfondire i motivi ispiratori della istituzione. Un avvenimento storico di grande portata per gli Albanesi di Calabria, con ripercussioni antropologiche e sociali e, naturalmente, ecclesiali.

XXIII  GIORNATA  DELLA  VITA  CONSACRATA

3 febbraio 2019

Anche quest’anno tutte le Religiose, Piccole Operaie dei Sacri Cuori e Suore Basiliane Figlie di S. Macrina, della nostra Eparchia sono invitate in Cattedrale, domenica 3 febbraio p.v. alle ore 10,30 per la celebrazione della Divina Liturgia, in occasione della XXIII Giornata della Vita Consacrata.

Dopo la Divina Liturgia ci ritroveremo nei locali delle Suore di Lungro per un momento di agape fraterna.

Care sorelle, tutto è cominciato dall’incontro col Signore. Da un incontro e da una chiamata è nato il cammino di consacrazione. Bisogna farne memoria. E se fate bene memoria vedrete che in quell’incontro non eravate soli con Gesù: c’era anche il popolo di Dio, la Chiesa. Vi esorto  ad instaurare con Cristo una comunione sempre più profonda mediante la partecipazione quotidiana al Sacramento dell’Eucaristia che lo rende presente. L’Eucaristia sta per sua natura al centro della vita consacrata, personale e comunitaria.

RITIRO  DEL  CLERO

Giovedì 24 gennaio, con inizio alle ore 9,30 avrà inizio il Ritiro del Clero nella Parrocchia “San Giovanni Battista” ad Acquaformosa, con la meditazione tenuta da Don Alfredo Gabrielli, da Cassano delle Murge, Bari. Professore presso l’Istituto di teologia ecumenico-patristica “San Nicola” di Bari. È uno dei curatori del volume “L’unità si fa camminando” e uno dei membri del Comitato di redazione di “Ecumenismo Quotidiano” dell’Ufficio per l’Ecumenismo e il Dialogo interreligioso della CEI.

Con sentimenti di sincera stima rivolgo il mio Augurio di “Buon Anno 2019”,  invocando su di Voi e sulle Vostre Comunità la benedizione del Signore.

Lungro, 8 gennaio 2019

+ Donato Oliverio, Vescovo

Circolare del Vescovo Donato, 1 dicembre 2018

Al Rev.mo  CLERO

alle Religiose e ai Fedeli Laici

______________________________

Carissimi,

nella tradizione bizantina il 15 novembre inizia la cosiddetta “Quaresima di Natale”, una preparazione fatta in modo discreto e umile. Dando uno sguardo al sinassario (nome dato ad una raccolta di vite dei santi per uso liturgico) del mese di dicembre, si può vedere che nell’arco di tre settimane ricorrono tutta una serie di figure importanti: la Madre di Dio, Profeti, Martiri, grandi Vescovi, Monaci, come se la liturgia volesse radunare tutti questi grandi cristiani, e noi con loro, per preparare e testimoniare il mistero dell’Incarnazione del Verbo di Dio.

Le figure dei Martiri sono sempre numerose nel sinassario bizantino, e quattro in modo speciale nel mese di dicembre: Barbara, Lucia, Sebastiano, Bonifacio. Di  Lucia il tropario della festa mette in evidenza la dimensione sponsale in un testo in cui si parla della martire, ma anche della Chiesa e dell’anima di ogni cristiano: “La tua agnella, o Gesù, grida a gran voce: Te, mio sposo, io desidero, e per cercare te combatto, sono con te crocifissa e con te sepolta nel tuo battesimo; soffro con te, per poter regnare con te, e muoio per te, per vivere in te”.

In questo periodo troviamo radunate cinque figure di grandi Vescovi e Padri della Chiesa: Giovanni Damasceno, Nicola di Mira, Ambrogio di Milano, Spiridione e Ignazio di Antiochia. La liturgia bizantina presenta il Damasceno come teologo e cantore della fede cristiana.

Di Nicola di Mira la tradizione bizantina mette in risalto la figura di Vescovo e di taumaturgo, e anche il ruolo di intercessore: “Diamo il segno con la tromba dei canti, tripudiamo festosamente e danziamo esultanti per l’annuale solennità del padre teoforo…Pastori e maestri, conveniamo insieme per lodare il pastore emulo del Buon Pastore; i malati facendo l’elogio del medico; quelli che sono nei pericoli, del liberatore; i peccatori, dell’avvocato; i poveri del tesoro, gli afflitti, del conforto;i viaggiatori, del compagno di viaggio: tutti, facendo l’elogio del grandissimo pontefice”.

Ambrogio di Milano ci viene presentato come pastore e teologo, difensore della vera professione di fede della Chiesa.

La Madre di Dio, i Profeti, i Martiri, i Padri e i Monaci costituiscono il percorso, i punti di riferimento, la pedagogia della Chiesa nel portarci verso la celebrazione e la contemplazione dell’Incarnazione del Figlio di Dio, il nuovo bambino e Dio prima dei secoli.

Vi esorto a preparare il popolo di Dio adeguatamente al grande mistero della Natività di Nostro Signore Gesù Cristo.

I  CENTENARIO DELL’EPARCHIA DI LUNGRO

13 febbraio 2019

Era il 13 febbraio 1919 quando il venerabile Papa Benedetto XV, con la Costituzione Apostolica “Catholici Fideles Graeci Ritus” istituiva l’Eparchia di Lungro degli Italo-Albanesi dell’Italia Continentale, immediatamente soggetta alla Santa Sede.

Ed è con immensa gratitudine che anche noi oggi diciamo: “Questo è il giorno che ha fatto il Signore, esultiamo e rallegriamoci”.

Vi invito e convoco tutti in Cattedrale il prossimo 13 febbraio, alle ore 16,30 per la celebrazione della Divina Liturgia Pontificale, per rendere soprattutto grazie a Dio, Padre, Figlio e Spirito Santo, Trinità consustanziale e indivisibile, per tutti i doni a noi elargiti.

L’EPARCHIA DI LUNGRO ABBRACCIA PAPA FRANCESCO

UDIENZA SPECIALE PAPALE

31 maggio 2019

Con immensa gioia vi annuncio che l’Eparchia di Lungro incontrerà Papa Francesco il prossimo 31 maggio 2019, alle ore 12,00  presso l’Aula   “Paolo VI ” in Vaticano.

Un nuovo grande appuntamento di fede per l’Eparchia di Lungro, che ha ottenuto la concessione di un’udienza speciale esclusiva. Una grazia davvero speciale che il Papa ha voluto concedere alla nostra Chiesa.

Rivolgo al Santo Padre il più filiale e sentito ringraziamento a nome della nostra Eparchia. Invito a intensificare la preghiera al Signore per Papa Francesco, a preparare degnamente l’incontro con la sua persona e a vivere con sobrietà, semplicità e letizia questa grazia straordinaria che il Signore ci ha donato.

RITIRO DEL CLERO

Giovedì 20 dicembre, con inizio alle ore 9,30 si terrà il Ritiro del Clero nella Parrocchia “San Giovanni Battista” ad Acquaformosa, con la meditazione tenuta da Don Armando Matteo. Insegna Teologia fondamentale presso la Pontificia Università Urbaniana in Roma. È autore di numerosi saggi, alcuni dei quali tradotti all’estero.

Che la luce portata dal Signore che nasce illumini i nostri cuori e il nostro cammino per avvicinarci con fede e gioia ai nostri fratelli bisognosi di aiuto. Seguiamo l’esempio di Gesù che si è avvicinato a noi, si è fatto uomo.

Invoco su di Voi e sulle Vostre Comunità la benedizione del Signore.

 

Lungro, 1 dicembre 2018

+ Donato Oliverio, Vescovo

Circolare del Vescovo Donato, 17 ottobre 2018

Al  Rev.mo CLERO

alle Religiose e ai Fedeli Laici

______________________________

Carissimi,

siate pastori accoglienti, in cammino con il vostro popolo, con affetto, con misericordia, con dolcezza del tratto e fermezza paterna, con umiltà e discrezione, capaci di guardare anche ai vostri limiti e di avere una dose di buon umorismo.

Papa Francesco lega il buonumore a un’opera pastorale verso il popolo fedele di Dio compiuta con pazienza, costanza, tenerezza e compassione, ma il Papa mette particolare enfasi sul rapporto del buonumore con l’amicizia tra i sacerdoti.

L’amicizia sacerdotale: è un tesoro, un tesoro che si deve coltivare. Ma che bella è un’amicizia sacerdotale! Quando i preti, come due fratelli, tre fratelli, quattro fratelli si incontrano, parlano dei loro problemi pastorali, delle loro gioie, delle loro aspettative…Amicizia sacerdotale. Credo che questo aiuti a vivere la vita sacerdotale, a vivere la vita spirituale, la vita apostolica, la vita comunitaria e anche la vita intellettuale: l’amicizia sacerdotale. È questo che vi auguro.

15ª ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DEI VESCOVI

“I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”

3-28 ottobre 2018

L’invito a “risvegliare e rinnovare in noi la capacità di sognare e sperare” è stato rivolto da Papa Francesco ai Padri sinodali; affinché lo Spirito Santo “ci dia la grazia di essere Padri sinodali unti col dono dei sogni e della speranza, perché possiamo, a nostra volta, ungere i nostri giovani col dono della profezia e della visione”.

“Essere giovani oggi”, viene sottolineata dai Padri l’importanza dell’ascolto dei giovani da parte della Chiesa, un ascolto nutrito di empatia e pronto al dialogo. Ogni giovane aspira a essere incontrato e accolto per quello che è, con tutto il bagaglio delle sue domande, delle sue attese, delle sue paure e delle tante positività che porta in sé. Viene osservato come spesso la crisi del mondo giovanile rifletta anzitutto quella del mondo degli adulti, dalle famiglie alle comunità che dovrebbero accogliere e accompagnare i giovani.

Per tutte queste ragioni emerge fra i giovani il desiderio di una Chiesa più autentica e relazionale, impegnata concretamente per la giustizia e il servizio ai più poveri. Purtroppo, non di rado si constata la fatica di ascoltare, accogliere, accompagnare i giovani a farsi comprendere da loro da parte delle comunità e degli stessi pastori, col risultato che essi sentono distante e non attraente la vita di fede e la sua condivisione nella Chiesa.

SENSIBILIZZAZIONE OFFERTE DEDUCIBILI

Le Parrocchie hanno ricevuto i manifesti e i pieghevoli illustrativi con gli appositi bollettini di conto corrente postale per i fedeli che vogliono effettuare l’offerta per il Sostentamento del Clero.

Ricordiamo ai fedeli che l’offerta per il Sostentamento del Clero, deducibile dalla dichiarazione dei redditi, è una via di condivisione fraterna.

VERSO IL I CENTENARIO DELL’EPARCHIA DI LUNGRO

1919-2019

Uno dei problemi che ha dovuto affrontare il primo Vescovo, Mons. Mele,  è stato quello di creare una Comunità Diocesana, fatica improba, perché si trattava di paesi sparsi tra i monti, ben distanti l’uno dall’altro, privi di vie e di mezzi di comunicazione, sprovvisti di luce, spesso anche di acqua, molti erano costretti ad emigrare in America, almeno la quarta parte di ogni paese; l’agricoltura e la pastorizia erano le occupazioni di tutti. Conosceva bene tutte queste difficoltà Mons. Mele perché aveva, dietro incarico della Santa Sede, visitato tutte le comunità.

In questo primo periodo si è proceduto soprattutto alla creazione delle infrastrutture di una Diocesi. In questa assidua fatica ebbe, Mons. Mele, sempre l’illuminata guida ed il valido aiuto della Congregazione per le Chiese Orientali, istituita nel 1917. Soltanto una struttura omogenea e propria avrebbe potuto garantire la creazione di uno spirito più sereno e la presa di coscienza della propria realtà.

Il secondo problema la formazione del Clero. Mons. Mele comprese bene che il rinnovamento dell’Eparchia dipendeva in larga misura da un Clero non solo giovane, ma spiritualmente e culturalmente preparato. Trovò un Clero anziano e scarso di numero, la formazione non era più assicurata dal Collegio di Sant’Adriano, di fatto passato in mani laiche ed ostili alla Chiesa.

Mons. Mele ebbe cura della vita spirituale del Clero e fu sempre al loro fianco nei momenti difficili sia morali che materiali. Rivolse le sue premure alla Santa Sede per l’ammissione dei giovani avviati al sacerdozio nel Seminario Italo-Albanese, istituito nel 1918 da Benedetto XV nella Badia Greca di Grottaferrata, affidato ai benemeriti Monaci Basiliani.

Contemporaneamente il numero dei giovani studenti di filosofia e teologia dell’Eparchia fu aumentato, dal Papa stesso, nel Pontificio Collegio Greco di Sant’Atanasio di Roma, guidato dai benemeriti Monaci Benedettini.

Nella Costituzione Apostolica della Eparchia di Lungro era presente l’esigenza della “completa educazione e istruzione dei chierici”.

RITIRO DEL CLERO

Giovedì 8 novembre, con inizio alle ore 9,30 si terrà il Ritiro del Clero nella Parrocchia “San Giovanni Battista” ad Acquaformosa, con la meditazione tenuta da Padre Pino Stancari.

Invoco su ciascuno di Voi e sulle Vostre Comunità la Benedizione del Signore.

 

Lungro, 17 ottobre 2018

+ Donato Oliverio, Vescovo

Circolare del Vescovo Donato, 16 settembre 2018

Al  Rev.mo CLERO

alle Religiose e ai Fedeli Laici

____________________________

Carissimi,

la presente Vi giunge alla fine del periodo estivo, dove ciascuno di Voi ha potuto ritemprare le forze del corpo e dello spirito nella diversità delle esperienze personali o comunitarie.

Ora ci accingiamo a riprendere il nostro ritmo di lavoro pastorale, caratterizzato dal provvidenziale anniversario del I centenario della nostra Eparchia.

Innanzitutto vorrei dire, come sarà importante riprendere in mano tutto ciò che in questi anni è stato fatto, è stato detto, è stato scritto di preziosissimo e su questo focalizzare come urgente la formazione del popolo e dei catechisti, è un’attività complessa ma fondamentale e urgente oggi.

Le famiglie di oggi non pregano e non educano più i figli alla fede come ieri, è entrato in crisi il modo di trasmettere la fede, è un dato di fatto. Al contrario di tanti genitori odierni, i nostri antenati, i nostri padri hanno insegnato ai loro figli a invocare Dio, a vivere nell’amicizia con il Signore; noi dobbiamo fare in modo e adoperarci con tutte le nostre forze, che le famiglie odierne arbëreshe riscoprano il rapporto con Dio e imparino a educare i figli nella fede e nella disponibilità al prossimo.

Educare alla vita buona del Vangelo, è il documento della Conferenza Episcopale Italiana che ancora ci accompagna in questo decennio pastorale 2010-2020.

Educare è prendersi cura, non soltanto di se stessi, ma dell’altro. Prendersi cura di se stessi per prendersi cura dell’altro.

Nessuno da solo può essere formato, proprio perché la formazione richiede un cammino insieme, è il corpo ecclesiale che si mette in movimento. La capacità evangelizzatrice delle nostre comunità dipende dal nostro servizio di catechisti, ecco perché l’urgenza di un percorso formativo adeguato.

92ª GIORNATA MONDIALE MISSIONARIA

“Giovani per il Vangelo”

21 ottobre 2018

Giovani per il Vangelo: è questo il nuovo slogan per la Giornata Missionaria Mondiale 2018.

Si tratta di una scelta che la Fondazione Missio, in quanto organismo pastorale della CEI, suggerisce alle nostre comunità diocesane, facendo tesoro delle indicazioni fornite dal Comitato esecutivo delle Pontificie Opere Missionarie.

Il suddetto Comitato ha infatti proposto che il tema generale della Giornata fosse: “Insieme ai giovani, portiamo il Vangelo a tutti”, in linea con i contenuti della XV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi che si svolgerà a Roma il prossimo mese di ottobre.

In questo giorno speciale i fedeli di tutti i continenti sono chiamati ad aprire il loro cuore alle esigenze spirituali della missione e ad impegnarsi con gesti concreti di solidarietà a sostegno di tutte le giovani Chiese.

“Ciascuno dia secondo quanto ha deciso nel suo cuore, non con tristezza né per forza, perché Dio ama chi dona con gioia” (2Cor. 9,7).

Le offerte raccolte, come di consueto da far pervenire in Curia, andranno a favore delle giovani Chiese attraverso progetti di aiuto ai catechisti e la formazione cristiana di bambini e ragazzi, di formazione del Clero e di assistenza socio-sanitaria.

CONFERENZA EPISCOPALE CALABRA

Commissione per l’Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso

V CONVEGNO ECUMENICO REGIONALE

Sabato 20 ottobre 2018

Il 20 ottobre p.v., alle ore 16,00, si terrà a Castrovillari, presso l’auditorium della“Chiesa di San Girolamo” nella Diocesi di Cassano Jonio, il V Convegno Ecumenico Regionale, organizzato dalla Commissione per l’Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso della Conferenza Episcopale Calabra, presieduta dal sottoscritto.

Il tema: La Custodia del Creato e il Cammino Ecumenico nel XXI secolo – Custodire in comunione.

Relazionano:

Sua Eminenza Ioannis Tsaftaridis, del Patriarcato Ortodosso di Alessandria d’Egitto, Metropolita di Zambia e Malawi.

Mons. Andrea Palmieri, Sotto-Segretario del Pontificio Consiglio per l’Unità dei Cristiani.

Al Convegno di sabato 20 seguirà la Divina Liturgia della Domenica 21 ottobre, nella Cattedrale “S. Nicola di Mira” di Lungro, con la partecipazione del Metropolita Ioannis e di Mons. Palmieri.

Vi invito caldamente a partecipare.

VERSO IL I CENTENARIO DELL’EPARCHIA DI LUNGRO

L’Eparchia di Lungro iniziava con il suo primo Vescovo Mons. Giovanni Mele (1919-1979) un difficile cammino di ripristino del rito bizantino-greco in Calabria, tesa a far rivivere la spiritualità e la tradizione dei Padri, portati come grande eredità inalienabile dalla Madre Patria in terra italiana. La nuova Diocesi doveva affrontare vari problemi, ma uno del tutto particolare dal punto di vista culturale e cioè quella di incarnare in una particolare cultura, quella albanese, la tradizione bizantina deteriorata nel tempo. Non si trattava infatti soltanto di una nuova amministrazione, difatti occorreva creare una comunità che integrasse più autenticamente queste due componenti:

  1. il grande patrimonio liturgico, spirituale, disciplinare e teologico bizantino
  2. la cultura delle comunità albanesi.

Mons. Mele comprese il grave peso che cadeva sulle sue spalle, ma era certo che “la Divina grazia guarisce le infermità dell’uomo e supplisce alle sue insufficienze”.

RITIRO DEL CLERO

Dopo la pausa estiva, Giovedì 11 ottobre, con inizio alle ore 9.30, si svolgerà il Ritiro del Clero, nella Parrocchia “San Giovanni Battista” ad Acquaformosa, con la meditazione tenuta da Mons. Antonio Donghi.

 

Invoco su di Voi e sulle Vostre Comunità la benedizione del Signore.

 

Lungro, 16 settembre 2018

 

+ Donato Oliverio, Vescovo